Cosa significa mobili impiallacciati?

Tutti i nostri mobili sono impiallacciati in vero legno. Lo diciamo e lo scriviamo spesso (ne avevamo già parlato in questo articolo) ma ci rendiamo conto che non tutti possano conoscere il significato di “impiallacciati”.

Cosa vuol dire “mobili impiallacciati”?
Scopriamolo insieme.

Armadio Orix impiallacciato in legno di olmo.

Armadio Orix impiallacciato in legno di olmo.

I mobili impiallacciati non sono un recente ritrovato tecnologico, anzi: fin dal Rinascimento gli artigiani utilizzavano questa tecnica per produrre arredi estremamente eleganti e pregiati, utilizzando legni molto costosi ma ottimizzandone l’utilizzo: l’impiallacciatura infatti è l’operazione di rivestimento di un pannello di legname meno pregiato o altri materiali, con un tranciato di vero legno di essenze nobili. Anticamente le più utilizzate erano il noce, l’ulivo, il mogano, il palissandro, il ciliegio e varietà esotiche per questo molto ricercate…e care.

Dettaglio armadio impiallacciato in legno di noce canaletto.

Dettaglio armadio impiallacciato in legno di noce canaletto.

Per le nostre collezioni abbiamo selezionato il noce canaletto, il rovere moro, il ciliegio e l’olmo nelle due versioni Perla e Brown. Impieghiamo anche il rovere e il frassino per realizzare arredi in legno laccato. Il supporto su cui il “piallaccio” viene applicato varia in base agli elementi di arredo. Ad esempio: per alcune parti viene usato il listellare, per superfici curve il multistrato di legno, per tutti gli armadi il tamburato.

Come accennato qui sopra, l’impiego di un foglio sottile e flessibile permette di realizzare superfici curve e molte altre lavorazioni come il folding e l’impiallacciatura a telo.

Dettaglio pensile realizzato con folding e impiallacciato in legno di olmo.

Dettaglio pensile realizzato con folding e impiallacciato in legno di olmo.

Nel folding la scocca di un elemento è realizzata unendo pannelli con profili tagliati a 45°: in questo modo dall’esterno non si vede alcuna giuntura e grazie all’impiallacciatura continua la scocca appare come un unico pezzo di legno modellato.
L’impiallacciatura a telo garantisce l’uniformità e la continuità tra superfici verticali e orizzontali, mantenendo così intatto il pattern disegnato dalle venature naturali.
Essendo un rivestimento superficiale realizzato grazie a fogli flessibili, questa tecnica consente di abbracciare armoniosamente le superfici dei mobili mantenendo così un look omogeneo.

L'impiallacciatura consente di realizzare forme giocose.

Forme giocose per il comò impiallacciato in vero legno Fontana.

L’impiallacciatura non è da confondere con il nobilitato e il laminato: solo chi usa tranciati di vero legno può dire di produrre mobili impiallacciati.Tronco

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>